• info@ameta.it
  • Tel. (+39) 011 9950586 - Fax (+39) 011 9884878

Tra il 1800 e il 1840, è diventato pratica comune per costruire tutti gli elementi della macchina per viteria utili nei torni a motore, in modo che il termine "Tornio per viteria" cessò ogni contrapposizione ad altri tipi lavorazione dei metalli da tornio come un tipo "speciale" dello stesso.

Nel frattempo, dal lato della vite di legno, alcuni produttori di hardware avevano sviluppato per uso proprio in-House le prime macchine utensili completamente automatiche (meccanicamente automatizzate) per la fabbricazione di viti.

L'arco di sviluppo 1760-1840 fu un enorme progresso tecnologico, ma gli avanzamenti successivi renderanno la lavorazione di viti ancora più conveniente e più prevalente, anche grazie all'adattamento del tornio a motore con un torretta-testa portautensili per creare il tornio a torretta.

itemblogimg
Operaia al lavoro con tornio parallelo a revolver. Sulla sinistra si nota la stella di leve per il cambio veloce degli utensili montati sulla torretta.

"Questo sviluppo ha notevolmente ridotto il tempo, sforzo e abilità necessarie da parte dell'operatore di macchina per produrre ogni vite di macchina. Questo sviluppo ha notevolmente ridotto il tempo, sforzo e abilità necessarie da parte dell'operatore per produrre ogni vite. Il Singolo-puntamento è stato abbandonato a favore della testa tagliante per tale produzione ripetitiva di medio e alto volume.

Quindi, nel 1870, ciclo di parte-taglio del tornio a torretta (sequenza di movimenti) è stato automatizzato per essere messo sotto controllo della camma, in modo molto simile ai giradischi e painoforti in grado di suonare una melodia automaticamente. Secondo Rolt (1965), la prima persona a sviluppare una macchina del genere è stato Christopher Spencer, un inventore del New England. Charles Vander Woerden contemporaneamente inventò una macchina simile a Spencer.

Tuttavia, le macchine del legno-vite-fare degli anni 1840 e 1850 (speciale fabbrica produzione macchine utensili in contrasto con piccola officina macchine utensili), come quelli sviluppati da Cullen Whipple della nuova Inghilterra Screw Company e Thomas J. Sloan della società americana di vite, avevano anticipato le macchine di Spencer e Vander Woerden in vari modi, anche se si avvicinava il problema della produzione automatizzata di vite da una diversa angolazione commerciale.

PREMI OK !!! I Cookies aiutano ameta.it a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni clicca qui